Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

giovedì 11 dicembre 2014

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Qualche volta nella sacra Scrittura siamo posti di fronte alla nostra ignoranza, come afferma Paolo: Ma voi, fratelli non siete nelle tenebre, così che quel giorno possa sorprendervi come un ladro (I Ts 5,4). In questo passo si può intendere la voce della santa Chiesa che si esprime nella persona di coloro che dopo l'oscurità della loro ignoranza ritornano all'amore della rettitudine e, illuminati dai raggi della Verità, lavano con le lacrime i loro errori (potest hoc in loco ex eorum persona  vox sanctae Ecclesiae accipi qui post ignorantiae suae caliginem ad amorem rectitudinis redeunt et, veritatis radiis illustrati, fletibus diluunt quod erraverunt)... Perché quanto più sinceramente ritorniamo a Dio tanto più profondamente consideriamo con dolore le fatiche sopportate per ignoranza  in questo mondo (quia quanto verius  ad Deum revertimur, tanto subtilius labores quos per ignorantiam in hoc mundo pertulimus, dolendo pensamus)".

Commento morale a Giobbe, II, VIII, 17. Città Nuova Editrice/1, Roma 1992, pp. 625-627.

Nessun commento: