Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

sabato 1 ottobre 2016

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Perché l'insegnamento 
possa arrivare 
al cuore di chi ascolta, 
bisogna trovare 
il momento opportuno

Doctrina itaque 
ut pervenire 
ad cor audientis valeat, 
quae sibi sint congrua 
temporum momenta perpendat"


Commento morale a Giobbe, VI, XXX, 27. Città Nuova Editrice 1/4, Roma 2001, p. 181.

venerdì 30 settembre 2016

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Non tutti i momenti sono adatti 
per insegnare qualcosa 
l'efficacia delle parole va perduta 
se le parole stesse 
non vengono dette 
al momento giusto"

(Neque enim cuncta tempora 
doctrinae sunt congrua. 
Nam plerumque 
virtus perditur 
si intempestive 
verba proferantur)".


Commento morale a Giobbe, VI, XXX, 27. Città Nuova Editrice1/4, Roma 2001, p. 181.

giovedì 29 settembre 2016

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Sa parlare bene
 chi, se è il caso, 
sa anche tacere.

Ille scit recte dicere
qui et ordinate 
novit tacere".


Commento morale a Giobbe, VI, XXX, 27. Città Nuova Editrice 1/4, Roma 2001,

mercoledì 28 settembre 2016

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Al culto della santa Chiesa 
servono 
le azioni sublimi dei forti  
e le piccole azioni dei deboli.

In explendo cultu sanctae Ecclesiae
et fortium facta sublimia
et infirmorum opera extrema
 numerantur".


Commento morale a Giobbe, VI, XXX 24. Città Nuova Editrice 1/4, Roma 2001, p.177.

martedì 27 settembre 2016

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

" La parola dei dottori deve adeguarsi alle disposizioni degli uditori in modo da essere aderente ai bisogni di ciascuno, pur senza perdere di mira l'edificazione di tutti. Le menti attente degli uditori sono come le corde della cetra che l'artista tocca in modo diverso proprio per ottenere un suono armonioso".

Commento morale a Giobbe, VI, XXX, 12. Città Nuova Editrice 1/4, Roma 2001, p. 167.

lunedì 26 settembre 2016

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Non è adatta a tutti 
l'unica e medesima esortazione, 
perché diverso è 
lo stato d'animo di ciascuno.

Non enim una eademque cunctis 
exhortatio convenit, 
quia nec cunctos par morum 
qualitas adstringit".


Commento morale a Giobbe VI, XXX, 12. Città Nuova Editrice1/4, Roma 2001, p. 167.

sabato 17 settembre 2016

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Dio dice: Chi ha infuso nel cuore dell'uomo, che gusta solo le cose terrene, la grazia della sapienza divina? E chi, se non io, ha dato intelligenza agli stessi portatori della parola perché sappiano quando e a chi devono annunziare il giorno che viene? Essi infatti sentono che cosa devono fare, appunto perché lo apprendono interiormente dalla mia rivelazione. Nelle viscere dell'uomo viene posta la sapienza ispirata da Dio, proprio perché viene loro concesso quanto spetta al numero degli eletti, non solo con la parola, ma anche col pensiero; e questo perché la loro coscienza viva secondo quanto la dice la lingua e la luce risplenda tanto più chiaramente di fuori quanto più veramente arde nel cuore (ut iuxta quod loquitur lingua, vivat conscientia; et lux eius tanto clarius resplendeat in superficie, quanto verius inardescit in corde)".


Commento morale a Giobbe, VI, XXX, 10. Città Nuova Editrice1/4, Roma 2001, p. 165.