Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

giovedì 20 giugno 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Le consuetudini che sappiamo essere di peso alle Chiese le dobbiamo abolire di nostra iniziativa  (Consuetudines quae ecclesiis gravamen noscuntur inducere, nostra nos decet consideratione remittere)... Bisogna certo che tu conservi intatta verso il clero e altri la consuetudine di fare loro dei presenti ogni anno, tuttavia per ciò che ci riguarda ti proibiamo di sentirti obbligato a farci un qualunque regalo (nobis quoque de cetero ne quid transmittere debeas inhibemus). E, poiché non ci piacciono i doni, le vesti ricamate a palme che la fraternità tua ci ha fatto pervenire (non delectamur exeniis, palmatianas, quas tua direxit fraternitas) le abbiamo sì ricevute ringraziandoti (cum gratiarum actione suscepimus), ma perché tu non ne abbia a subire danno (ne quod exinde potuisses sentire dispendium), le abbiamo fatte vendere a prezzo giusto, che inviamo con grande esattezza alla fraternità tua (eas digno fecimus pretio venundare et id tuae fraternitati transmisimus sigillatim). Poiché poi abbiamo saputo che la carità tua vuol venire da noi, con la presente lettera ti esortiamo a non assumerti la fatica del viaggio (admonemus ut ad veniendum non debeas laborem assumere). Piuttosto prega per noi, affinché quanto più siamo distanti per la lunghezza del cammino che ci separa, tanto più siamo congiunti l'un l'altro  nello spirito con la carità, grazie all'aiuto di Cristo (sed ora pro nobis, ut quanto nos itineris intervalla dissociant, tanto animis nostris ad invicem, Christo adiuvante, simus in caritate coniuncti)".

(Lettere I, 64. Editrice Città Nuova, Roma 1996, p.243).

Nessun commento: