Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

martedì 25 marzo 2014

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Quando nella parola sacra apprendiamo una cosa  
avvenuta storicamente
 e, attraverso di essa, veniamo a conoscerne un'altra che 
storicamente è priva di fondamento, 
è bene ritenere l'una e l'altra cosa 

(Dum aliud completum iuxta historiam scimus, 
et aliud iuxta historiam a ratione vacare cognoscimus, 
in sacro verbo utraque teneamus)".


Omelie su Ezechiele, I, XII, 21. Città Nuova Editrice, Roma 1992, p. 381.


Si tratta di un principio ermeneutico apparentemente inaccettabile e tuttavia prezioso per passare dalla <lettera> allo <spirito> del testo, come chiarisce Gregorio con l'esempio seguente: "L'assedio di Gerusalemme, che poi è avvenuto realmente, crediamo sia stato figurato nelle parole e nei gesti del profeta, e tuttavia adesso, osservando quell'assedio, possiamo riferirci anche ad un altro assedio, quello interiore, che noi subiamo quotidianamente (illam itaque obsidionem qua Ierosolymorum civitas destructa est, iam factam novimus, sed nunc aliam intrisecus, quae cotidie agitur, requiramus" (ivi)

Nessun commento: