Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

martedì 29 luglio 2014

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"La colpa che trafigge il cuore non è unica e uguale per tutti. Uno infatti cade nel laccio della superbia, un altro è gettato in terra dall'ira, un altro è tormentato dall'avarizia, un altro ancora è infiammato dalla lussuria. E per lo più accade che chi è oppresso dalla superbia, guarda in che modo l'ira accende un altro; e siccome l'ira non lo coglie subito, si ritiene migliore dell'iracondo fino ad illudersi di essere quasi un giusto, perché trascura di considerare la gravità del suo vizio dominante. E così anche chi è malato d'avarizia, guarda chi è sprofondato nel baratro della lussuria e, ritenendosi immune da ogni contaminazione carnale, non si accorge delle macchie interiori che contaminano il suo spirito e, mentre osserva il male che si trova in un altro, e che lui non ha, trascura di considerare il proprio e così succede che, mentre l'anima è portata a giudicare i vizi altrui, si priva della luce per scoprire e giudicare i propri. E si accampa superbo contro i vizi degli altri in modo tanto più grave quanto maggiore è la negligenza con cui ignora i propri (et eo durius contra aliena superbiat quo sua neglegentius ignorat) ".
 
Commento morale a Giobbe, I, III, 60. Città Nuova Editrice/1, Roma 1992, pp.295-297.

Nessun commento: