Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

lunedì 16 febbraio 2015

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Dalla vanità si passa all'iniquità quando cominciamo col lasciarci andare a colpe lievi, e siccome l'abitudine leviga tutto, non ci pensiamo poi troppo a commetterne delle gravi (ex vanitate ergo ad iniquitatem ducimur cum prius per levia delicta defluimus ut, usu cuncta levigante, nequaquam post, committere etiam graviora timeamus). Così trascurando di porre un freno alle parole oziose, per forza d'abitudine, si arriva facilmente a parole offensive; accontentando la gola, si finisce per cadere nei bagordi; quando l'anima rinuncia a disciplinare i piaceri della carne, facilmente precipita nel baratro della perfidia.... E poiché si comincia dalle colpe più lievi e si arriva a quelle più gravi, la vanità offusca la mente, l'iniquità l'acceca. Così la mente, appena perduto il lume, si leva in superbia, tanto più in alto quanto più, presa nel laccio dell'iniquità, si allontana dalla verità (vanitas mentem obnubilat, iniquitas caecat. Quae nimirum mens, amisso mox lumine, tanto se altius per tumorem erigit, quanto et iniquitatis capta laqueis a veritate longius recedit)"

Commento morale a Giobbe, II, X, 21. Città Nuova Editrice/2, Roma 1994, p.155.

Nessun commento: