Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

mercoledì 6 marzo 2013

Massime e testi di Gregorio Magno Papa

"Nessuno mi chieda più di occuparmi della Sacra Scrittura, <perché un pianto funebre è la mia arpa e il mio flauto una voce in lacrime>. L'occhio del cuore non riesce più a rimanere vigile nella meditazione dei misteri, perché <l'anima mia sonnecchia per la tristezza>. L'animo gusta meno la <lectio divina>, <perché dimentico di mangiare il mio pane a causa del mio lungo gemere>. Come faccio a parlare dei sensi mistici della Sacra Scrittura se non mi è consentito di vivere? E come posso preparare dolci bevande per gli altri se ogni giorno sono costretto a inghiottire amarezze?" (Omelie in Ezechiele 2, 10,24. Cfr Guido Innocenzo Gargano, Il Libro la Parola e la Vita, edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2013, p. 273).

Un lamento accorato che potrebbe accompagnare la nostra meditazione sui motivi che hanno portato il Papa Benedetto XVI a dare le dimissioni, ma che potrebbe essere anche utile per tutti coloro sentono venir meno le proprie forze e ne prendono atto serenamente, affidando tutto alla <volontà di Dio>. 

Nessun commento: