Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

venerdì 26 aprile 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Chi è da Dio ne ascolta le parole (Gv 8,47). Ognuno nell'ascolto del proprio cuore, si interroghi se accoglie la Parola di Dio e saprà da che parte viene (interroget se unusquisque si verba Dei in aure cordis percipit, et intelliget unde sit). La Verità (cioè Gesù) comanda di desiderare la patria celeste, di reprimere i desideri della carne, di sottrarsi alla gloria del mondo, di non bramare i beni degli altri e di donare i propri. Ognuno di voi rifletta nel proprio intimo se questa voce divina si è consolidata nell'ascolto del proprio cuore, e potrà sapere se egli è da Dio (penset ergo apud se unusquisque vestrum, si haec vox Dei in cordis eius aure convaluit, et quia jam ex Deo sit agnoscit).
Infatti:

Alcuni non si degnano di percepire i comandi divini neppure con gli orecchi del corpo (praecepta Dei nec aure corporis percipere dignantur).

Altri accettano questo tipo di ascolto, ma poi non li accolgono con il desiderio dell'anima (haec quidem corporis aure percipiunt, sed nullo ea mentis desiderio complectuntur).

Altri infine, sentono volentieri l'annuncio della Parola di Dio e giungono persino alla compunzione delle lacrime, ma dopo il pianto ritornano ai loro peccati (verba Dei suscipiunt ita ut in fletibus compungantur, sed post lacrymarum tempus ad iniquitatem redeunt) .

Non ascoltano di fatto la Parola di Dio coloro che si rifiutano di attuarla con le opere (Hi profecto verba Dei non audiunt, qui haec exercere opere contemnunt).

Richiamate perciò alla mente, fratelli carissimi la vostra vita e, in attenta meditazione (alta consideratione), abbiate timore di ciò che afferma la Verità: Voi non ascoltate, perché non siete da Dio (Gv 8,47)". (Le Quaranta Omelie sui Vangeli, I, XVIII, 1, Città Nuova Editrice, Roma 1994, pp.223-225).

Nessun commento: