Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

lunedì 30 dicembre 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Ciascuno aveva due ali che si congiungevano e due che coprivano il corpo" (Ez 1,11).

"Quattro sono le virtù che elevano dalle azioni terrene ogni essere vivente alato,  (quatuor esse virtutes invenimus quae a terrenis actibus omne pennatum animal levant) e cioè l'amore e la speranza delle cose future, il timore e la penitenza delle cose passate (in futuris videlicet amor et spes de praeteritis autem timor et paenitentia)...Giustamente si dice che che sono congiunte, perché gli eletti senza dubbio amano le cose che sperano, e sperano ciò che amano. Due ali coprono il corpo, perché il timore e la penitenza nascondono agli occhi di Dio onnipotente le loro colpe passate (duae vero corpora contegunt, quia timor et poeni/tentia ab omnipotentis Dei oculis eorum mala praeterita abscondunt). Due ali invece si congiungono verso l'alto, quando l'amore e la speranza elevano in alto il cuore il cuore degli eletti e lo tengono sospeso verso il cielo (duae pennae iunguntur sursum, quando amor et spes electorum corda ad superiora elevant, ad caelestia suspendunt)".

(Omelie su Ezechiele, I, IV, 5. Città Nuova Editrice, Roma 1992, p. 161).

I due atteggiamenti descritti da Gregorio, caratterizzati: il primo da amor et spes e il secondo da timor et paenitentia corrispondono al tradizionale insegnamento gregoriano. Può essere opportuno però osservare che la prima volta il testo utilizza il vocabolo latino paenitentia - che provine dal me paenitet - traducibile in italiano con <mi dispiace> e perciò <mi pento>, mentre la seconda volta il testo latino (almeno quello riportato dall'edizione del Migne, utilizza il vocabolo latino poenitentia - con riferimento alla radice di poena - che sottolinea la sofferenza intesa come espiazione. Siamo già agli albori del medioevo? Oppure bisognerebbe studiare com maggiore acume critico la trasmissione dei manoscritti gregoriani?

Nessun commento: