Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

giovedì 1 ottobre 2015

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Ci sono peccati che i giusti possono evitare e ci sono alcuni peccati che neppure i giusti riescono ad evitare. Chi infatti, finché rimane in questa carne corruttibile, non lascia andare il cuore a qualche pensiero riprovevole, anche se non precipita nella fossa del consenso? Eppure anche il solo pensiero cattivo è peccato. Ma se l'animo resiste al pensiero, non dovrà rimanere confuso (Sed dum cogitationi resistitur, a confusione sua animus liberatur). L'anima dei giusti dunque, anche se libera dall'azione cattiva, tuttavia qualche volta cade nel pensiero cattivo. E scivola nel peccato anche se cede soltanto col pensiero; in compenso però non ha poi motivo di rimproverarsi piangendo, perché si riprende prima di arrivare al consenso (in peccato labitur quia saltim in cogitatione declinaturet tamen unde semetipsam postmodum flendo reprehendat, non habet, quia ante se reparat quam per consensum cadat). Con ragione quindi, chi si è confessato peccatore dichiara che il suo cuore non gli rimprovera nulla".

Commento morale a Giobbe, IV, XVIII, 11. Città Nuova Editrice/2, Roma 1994, p.637.

Una finezza da moralista davvero consumato!

Nessun commento: