Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

lunedì 12 ottobre 2015

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Scandaglia anche le profondità dei fiumi e porta alla luce le cose nascoste (Gb 28,11). Che altro significano qui i fiumi se non i detti degli antichi Padri? Chi può misurare l'impeto del fiume che proruppe dal petto di Mosè quando codificava la Legge? L'impeto del fiume che scaturì dal cuore di Davide? L'impeto dei fiumi che sgorgarono dalla bocca di Salomone e di tutti i Profeti? Ma di questi fiumi la Giudea possedeva solo l'aspetto esteriore quando, conservando la superficie della lettera, non ne conosceva la profondità. Noi invece che, alla venuta del Signore, ricerchiamo in essi i significati spirituali che contengono, ne scandagliamo le profondità. Per dono del Signore noi riusciamo a fare ciò che Egli ha fatto; per mezzo di noi, che seguiamo non la lettera che uccide ma lo spirito che vivifica, il Signore scandaglia le profondità dei fiumi e porta alla luce le cose nascoste; perché adesso l'interpretazione spirituale illumina i detti della Legge che l'interpretazione letterale oscura (quia dicta legis quae caliginosa nimis historia obscurat, nunc expositio spiritalis  illuminat)".

Commento morale a Giobbe, IV, XVIII, 60. Città Nuova Editrice/2, Roma 1994, p. 687.

Nessun commento: