Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

martedì 13 ottobre 2015

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"L'insegnamento della santa Chiesa corrisponde a canali larghi e chiari, perché le sue parole sono profonde per quelli che le investigano e semplici per quelli che le scoprono. Dice dunque: Scandaglia le profondità dei fiumi e porta alla luce le cose nascoste (Gb 28,11), perché quando nei suoi commentatori effonde lo spirito dell'intelligenza, rivela le oscurità degli antichi Profeti. E la santa Chiesa per mezzo dello Spirito, ormai conosce ciò che prima la Sinagoga, per mezzo della lettera, non era assolutamente in grado di comprendere. Ecco perché Mosè, quando parlava al popolo, si copriva il volto con un velo, per indicare che il popolo dei Giudei, conosceva le parole della Legge, ma non vedeva in alcun modo il chiarore della Legge stessa... Infatti le parole di Dio non si possono in alcun modo penetrare senza la sua sapienza (Dicta Dei nullatenus sine eius sapientia penetrantur). Nessuno può conoscere le sue parole (nullo modo verba cognoscit) se non chi ha ricevuto il suo Spirito (nisi qui spiritum eius acceperit)".

Commento morale a Giobbe, IV, XVIII, 60. Città Nuova Editrice/2, Roma 1994, p. 687.

Nessun commento: