Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

giovedì 12 gennaio 2017

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Spesso coloro che desiderano assumere il ministero pastorale si propongono anche di compiere delle opere buone e, pur mossi dal sentimento dell'ambizione, ritengono di poter compiere grandi imprese; in questo modo, altro è ciò che l'intenzione comprime nell'intimo e altro è ciò che l'apparenza del pensiero mostra allo spirito di chi vi medita (fitque ut aliud in imis intentio supprimat, aliud tractantis animo superficies cogitationis ostendat). Spesso infatti l'anima, per ciò che la riguarda, mente a se stessa: si illude, quanto alle buone opere, di amare ciò che non ama (et fingit se de bono opere amare quod non amat) e di non curarsi della gloria del mondo dalla quale invece è fortemente attratta. Bramosa di conseguire condizioni di potere, è nel timore mentre cerca di giungervi, ma sfrontata dopo essere arrivata alla meta (fit ad hoc pavida cum quaerit, audax cum pervenerit). Nel tendervi infatti trepida al pensiero di non riuscirvi, ma appena conseguito lo scopo si convince che le spettava di diritto la condizione in cui è venuta a trovarsi. Quando poi comincia ad esercitare in conformità ai pensieri di questo mondo i compiti inerenti alle cariche conseguite, dimentica volentieri i propositi formulati secondo convinzioni di fede (libenter obliviscitur quidquid religiose cogitavit)".

Regola pastorale I, 9. Città Nuova Editrice, Roma 2008, p.27.

Nessun commento: