Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

giovedì 11 aprile 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Mosè entra ed esce con frequenza dal tabernacolo: all'interno è rapito nella contemplazione, fuori è raggiunto dai problemi di chi è in difficoltà. All'interno scruta i misteri di Dio, fuori si carica dei pesi delle creature umane (Intus Dei arcana considerat, foris onera carnalium portat). Anche nei dubbi ricorre sempre al tabernacolo e prega il Signore davanti all'arca del Testamento, dando così senza alcun dubbio un esempio ai pastori d'anime, affinché, quando si sentono incerti nell'azione, rientrino nel proprio spirito come nel tabernacolo e consultino il Signore come di fronte all'arca del Testamento, cercando soccorso, nell'intimo, tra le pagine della Parola di Dio (intus sacri eloquii paginas requirant), riguardo a ciò per cui sono travagliati dal dubbio. Anche la Verità stessa (il Verbo di Dio), apparsa fra noi assumendo la natura umana, si immerge nella preghiera sul monte ma compie miracoli nelle città (in monte orationi inhaeret, miracula in urbibus exercet), indicando così ai pastori la via da seguire, affinché essi, anche se anelano alle vette della contemplazione, sentano come proprie e con amore le necessità dei miseri (ut etsi summa contemplando appetunt, necessitatibus tamen infirmantium compatiendo misceantur). La carità, infatti, raggiunge davvero le altezze quando si accosta con benevolenza ai travagli del prossimo, e quanto più discende con amore verso le cose umili, tanto più raggiunge con vigore quelle sublimi (tunc ad alta caritas mirabiliter surgit, cum ad ima proximorum se misericorditer attrahit; et quo benigne descendit ad infima, valenter rcurrit ad summa)" (Regola Pastorale, Parte Seconda, V, Città Nuova Editrice, Roma 2008, p.51).

Nessun commento: