Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

domenica 14 aprile 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Giustamente è collocato tra gli ipocriti chi, col pretesto della disciplina, trasforma in uno strumento di potere il servizio richiesto dall'essere guida (inter hypocritas iure deputatur qui, ex simulatione disciplinae, ministerium regiminis vertit in usu dominationis)...Spesso la frattura, se è riparata in modo incauto, peggiora, e la ferita si fa più grave se la fasciatura stringe in modo eccessivo. E' perciò necessario che, quando la ferita del peccato viene ristretta mediante la correzione, si abbia molta cura di intervenire con moderazione, facendo valere contro chi ha sbagliato le esigenze della disciplina senza rinunciare ai sentimenti della pietà (sic iura disciplinae contra delinquentes exerceat, ut pietatis viscera non amittat).Bisogna fare in modo che la pietà riveli la madre e la disciplina il padre (curandum quippe est ut et matrem pietas et patrem exhibeat disciplina), avendo inoltre gran cura perché la correzione non sia eccessiva e la pietà non degeneri in debolezza. Infatti la disciplina e la misericordia perdono forza quando si esercita una senza l'altra (disciplina vel misericordia multum destituitur, si una sine altera teneatur)...Siano dunque in azione l'amore, ma senza debolezze; il rigore, che non produca esasperazione; lo zelo, ma senza infierire in forme smodate; la pietà, che però non assolve più di quanto sia giusto. E così, fondendo la giustizia e la clemenza (iustitia clementiaque permiscit), si raggiunga dolcemente, pur nella severità, il cuore di chi ha sbagliato" (Regola Pastorale, Parte seconda, VI, Città Nuova Editrice, Roma 2008, pp. 59-61).

Nessun commento: