Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

domenica 2 giugno 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Tempio di Dio vanno considerati anche la mente e la coscienza dei fedeli (templum quoque et domus Dei est ipsa mens atque conscientia fidelium), che diventano però spelonche di ladri (quasi in spelunca latrones) se alimentano pensieri cattivi a danno del prossimo e occasione di morte per quanti si comportano con cuore semplice. Succede infatti che vengano trafitti  di spada individui che non sono affatto rei di colpa alcuna (quando in eos qui in nullo rei sunt, laesionis gladios defigunt). Lo spirito dei fedeli non è più dimora di preghiera ma spelonca di ladri quando, abbandonata l'innocenza e la semplicità di una vita santa, essi si comportano in modo tale da ferire il prossimo (mens enim fidelium jam non domus orationis, sed spelunca latronum est, quando relicta innocentia et simplicitate sanctitatis, illud conatur agere unde valet proximis nocere). Contro tutte queste perversioni siamo però istruiti incessantemente dalle parole del nostro Redentore accolte nelle sacre Scritture. (Verbis Remptoris nostri per sacras paginas indesinenter instruimur)...Ogni giorno infatti la Verità (Gesù) insegna nel tempio quando  con delicatezza (subtiliter erudit) istruisce la mente dei fedeli perché si guardi dal male. Dobbiamo però ritenere che siamo davvero istruiti dalle parole della Verità se con timore e senza tregua teniamo fisso lo sguardo sui mali che ci attendono...Pensiamo dunque ogni giorno alle parole ascoltate in diretta dalla voce stessa del nostro Redentore (Pensare quippe quotidie debemus, quod ex ejusdem voce nostri Redemptoris audivimus)".

(Le Quaranta Omelie sui Vangeli, II, XXXIX, 7. Editrice Città Nuova, Roma 1994, p. 553).

Nessun commento: