Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

sabato 14 settembre 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

A GENNARO VESCOVO
 
"Ricorda di aver assunto (con l'elezione all'episcopato) non la cura dei beni di questa terra, ma la guida delle anime (Non terrenarum rerum curam sed animarum te ducatum suscepisse cognosce). Ivi devi tener fisso il cuore, ivi devi indirizzare la tua sollecitudine, ivi tutto il tuo impegno".
 
(Lettere IX, 11. Città Nuova Editrice, Roma 1998,p.119).
 
 
A PROPOSITO DELLA CANDIDATURA DI UN MONACO ALL'ABBAZIATO
 
"Per il momento prescriviamo che sia priore, in modo che, se la sua condotta incontrerà il gradimento della tua fraternità, dopo un po' di tempo, lo ordini abate. Ci sono infatti in lui delle buone doti che piacciono, ma anche un vizio molto accentuato: che crede di essere un gran sapiente (Sunt enim bona quae in eo placeant. Sed hoc est in illo vehemens vitium, quia valde sibi esse sapiens videtur). Da questa radice è chiaro che possono derivare molte ramificazioni peccaminose. La tua santità vigili su di lui attentamente e se riscontrerà che è divenuto prudente nella direzione delle anime e umile nel sentire di sé, allora lo elevi, con l'aiuto di Dio, all'onore di essere abate (Tua itaque sanctitas circa eum sollicite invigilet et, si hunc et cautum in regimine et humilem in suo sensu fieri cognoverit, tunc eum ad abbatis honorem, Deo auctore, perducat).  Se però non fa progressi nell'umiltà, rimandi la sua ordinazione e mi riferisca".
 
(Lettere IX, 13. Città Nuova Editrice, Roma 1998, p. 121).
 
 
Uno squarcio sui criteri che dirigevano Gregorio Magno nella scelta di coloro che vengono invitati ad assumere delle responsabilità all'interno della comunità ecclesiale.
 

Nessun commento: