Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

lunedì 30 settembre 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Qual è il luogo che non sia in Dio, dal momento che sono contenute da lui tutte le cose che sono state create? Tuttavia, vi è un luogo presso di lui, cioè l'unità con la santa Chiesa, per la quale si è posti sulla roccia, quando con umiltà si custodisce saldamente la sua confessione di fede (est locus apud eum, videlicet sanctae ecclesiae unitas, in qua super petram statur, dum confessionis eius soliditas humiliter tenetur). Di questo luogo è scritto: Allora mi vedrai di spalle (Es 33,23). Stando infatti in piedi sulla roccia, cioè nella santa Chiesa, si vedono le spalle di Dio, perché già si contemplano le gioie della patria celeste che sono state promesse per la fine (in petra enim, id est in sancta ecclesia stantes, Dei posteriora videbimus, quando iam ea, qua in fine promissa sunt, caelestis patriae gaudia contemplantur)".

(Lettere, IX, 148. Città Nuova Editrice, Roma 1998, p.333).

Un implicito commento al <Tu es Petrus>? Gregorio aveva comunque  una chiarissima consapevolezza del come svolgere il ruolo di <servo dei servi di Dio> nella Chiesa, in quanto vescovo di Roma e successore di Pietro.

Nessun commento: