Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

mercoledì 2 ottobre 2013

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

Gregorio a Secondino monaco recluso (seguito)

"Ti ho mandato due codici di omelie che ho pronunziato in chiesa, quando ancora ero in grado di parlare ad alta voce, perché, siccome non posso vederti di persona e non posso conversare con te amabilmente, sia presente alla tua carità almeno con quello che sono riuscito a scrivere (Transmisi autem duos omeliarum codices, quas dixi in ecclesia dum adhuc loqui praevalerem ut, quia ipse  te videre tibique sedule colloqui non possum, caritati tuae vel per ea  quae scribere valui absens non sim). Mi sono dato cura di mandarti anche un un po' di vestiario col quale la tua carità, che arde nell'animo di calore australe, respinga all'esterno del corpo il freddo di Arturo (Exiguum quoque vestimentum transmittere studui, per quod tua caritas, quia australi in animo calore ardet, foris a corpore Arcturi frigus repellat). Ti chiedo poi di pregare più aredentemente per me, perché con l'aiuto della tua intercessione, ottenga di essere liberato dai mali presenti e di essere ammesso ai gaudi eterni".

(Lettere, IX, 148. Citttà Nuova Editrice, Roma 1998, p. 337).

Un esempio, per certi versi commovente, dell'attenzione di un papa verso uno sperduto eremita recluso!



Nessun commento: