Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

mercoledì 23 aprile 2014

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Fin dall'inizio di questo commento, abbiamo detto che la persona del beato Giobbe annunzia il Signore e quindi simboleggia il capo e il corpo, cioè il Cristo e la Chiesa. Dopo aver mostrato come, mediante la fede, è simboleggiato il nostro capo, indichiamo ora come è figurato il suo corpo che siamo noi (Postquam caput nostrum quomodo designatum credatur, ostendimus nunc corpus eius, quod nos sumus). Così dopo aver ascoltato dalla narrazione ciò che dobbiamo ammirare e dopo aver conosciuto dal capo ciò che dobbiamo credere, deduciamo ora dal corpo come dobbiamo comportarci nella vita (ut quia audivimus ex historia quod miremur, cognovimus ex capite quod credamus; consideremus nunc ex corpore quod vivendo teneamus) Dobbiamo infatti assimilare ciò che leggiamo, affinché, mentre lo spirito è stimolato da ciò che ascolta, la vita concorra a tradurre nelle opere la Parola ascoltata (In nobismetipsis namque debemus transformare quod legimus, ut cum per auditum se animus excitat, ad operandum quod audierit vita concurrat)".  

Commento morale a Giobbe, I, 1, 33, Città Nuova Editrice, Roma 1992, pp.137-139.

Nessun commento: