Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

giovedì 25 settembre 2014

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Sono corporei il cielo, la terra, le acque, gli animali e tutte le cose visibili che abbiamo sempre davanti agli occhi. Quando la mente si proietta tutta in queste cose, deliziandosene, perde la finezza dell'intelligenza interiore (in quibus dum totam se delectata mens proicit, ab internae intellegentiae subtilitate grossescit) e, non essendo più capace di levarsi alle realtà superiori, si accontenta delle cose di quaggiù (in his infirma libenter iacet). 
Quando poi con ammirevoli sforzi cerca di risollevarsi (cum vero nimis conatibus ab his exsurgere nititur), è già tanto se staccandosi dalle apparenze corporee arriva a conoscere se stessa, a pensare se stessa senza l'immagine corporea e, pensando se stessa, aprirsi la via a meditare la realtà dell'eternità. In questo modo fa di se stessa come una scala, per la quale ascendendo dalle cose esteriori passa in sé, e da sé tende verso il suo Creatore (Hoc autem modo quasi quandam scalam sibi exhibet semetipsam per quam ab exterioribus ascendendo in se transeat, et a se in auctorem tendat)".

Commento morale a Giobbe, I,V, 61.Città Nuova Editrice/1, Roma 1992, p.445.

Nessun commento: