Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

mercoledì 10 dicembre 2014

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Quando un operaio è posto di fronte al lavoro che dovrà fare si lascia prendere dallo scoramento pensando alla lunghezza del tempo e alla fatica che ci vogliono, ma quando gli viene in mente il salario, subito si rincuora e si getta al lavoro con maggior vigore (Mercenarius etenim cum facienda opera conspicit, mentem protinus ex longinquitate et pondere laboris addicit; cum vero lassescentem animum ad considerandum operis praemium revocat, vigorem mox animi ad exercitium laboris reformat). E infatti succede che ciò che si considera a partire dalla prospettiva della fatica risulta lungo e pesante, ma quando lo si osserva dalla prospettiva della ricompensa appare persino leggero. La stessa cosa succede agli eletti di Dio posti di fronte a sofferenze e contrarietà di ogni genere in questo mondo a causa delle ingiustizie che subiscono per la loro onestà o quando sono vittime di rovesci economici o di sofferenze varie, per le prove pesanti alle quali vengono spesso sottoposti. Se però alzano  gli occhi dello spirito e intravedono il premio del paradiso si accorgono che tutto sommato è davvero una sciocchezza la loro momentanea sofferenza ( Sic et electi quique, cum mundi huius adversa patiuntur...esse gravia quibus exercentur pensant. Sed cum mentis oculos ad aeternae patriae considerationem tendunt... quam sit leve quod patiuntur inveniunt)".

Commento morale a Giobbe, II, VIII,14. Città Nuova Editrice/1, Roma 1992, pp. 621-623.

Nessun commento: