Parco Archeologico Religioso CELio

Parco Archeologico Religioso CELio
".... energia rinnovabile UOMO"

domenica 5 aprile 2015

TESTI E MASSIME DI GREGORIO MAGNO PAPA

"Non  c'è maggiore felicità di quella di un cuore semplice, perché, mostrandosi schietto verso gli altri, non ha nulla da temere dagli altri (Nil simplici corde felicius, quia quo innocentiam erga alios exhibet, nihil est quod pati ab aliis formidet). La sua semplicità costituisce per lui una fortezza sicura. Non sospetta di subire ciò che sa di non aver fatto agli altri...Uno spirito depravato, al contrario, è sempre in ansia, perché medita cattive azioni da infliggere agli altri o teme che queste medesime azioni gli vengano inflitte dagli altri (at contra mens prava semper est in laboribus, quia aut molitur mala quae inferat, aut metuit ne haec sibi ab aliis inferantur). E tutto ciò che scogita contro il prossimo, teme che il prossimo lo escogiti contro di lui. Da ogni parte sospetti; da ogni parte timori...Spesso ad un uomo siffatto succede che il prossimo parli con ingenuità, senza alcuna intenzione ostile; e tuttavia egli, che è depravato, sospetti in lui chissà quali insidie, perché chi agisce sempre con inganno, non concepisce che si possa agire verso di lui con semplicità (qui semper dolose agit, simpliciter erga se agi non aestimat)".

Commento morale a Giobbe, III, XII, 44. Città Nuova Editrice/2. Roma 1994, p. 291.

Nessun commento: